Mellon Collie and the Infinite Power

13 Gen

Ho trascorso la mia adolescenza ascolando gli Smashing Pumpkins.
Da quel momento, oltre 10 anni fa, ho accantonato la musica frivola per crescere ascoltando i racconti d’adorazione, d’amore, d’odio e di vita che Billy Corgan dipingeva con la sua voce stridula ed inconfondibile.
Ho veramente adorato quell’uomo.

Il primo cd delle zucche che comprai fu Adore, era il 1998.
Da allora giurai “We must never be apart” ed iniziai ad acquistare i cd precedenti, veri e propri capolavori degli anni ’90.
Gish (1988), Siamese Dream (1993), Pisces Iscariot (1994), Mellon Collie and the Infinite Sadness (1996) e poi contemporaneamente alla loro uscita Machina (2000), Earphoria (2001), Rotten Apples (2002).

Ero una fan troppo accanita, comprai addirittura un libro “Il mondo è un vampiro”, che si propone di guidare i fan alla scoperta delle vicende del gruppo.
Mi incazzavo terribilmente con chi insinuava che Billy era una star della fiction televisiva, avendo interpretato da bambino il fratellino di Super Vicky.
Io, che mi ero documentata, ben sapevo della sua infanzia turbolenta, delle liti tra i genitori, dei problemi del fratellino Spaceboy, della sua solitudine.

Sono passati tanti anni da quel periodo, oggi ho altri gruppi in cime alle mie preferenze, ma sono consapevole che quella musica fa parte di me. Non aver mai visto gli Smashing dal vivo resterà un rimpianto che mi porterò per sempre, ma…what is lost can never be saved
Ora evito accuratamente di ascoltare i nuovi brani degli Smashing Pumpkins: mi inducono a pensare che in fondo era meglio bruciare che spegnersi lentamente…

Era da tempo che non facevo un tuffo nel passato ascoltando con attenzione un vecchio capolavoro.
E’ impressionante come riesca a ricordarmi tutti i testi a memoria, ancora dopo tanto tempo…
E’ bello vedere i libretti dei cd consumati, le pagine stropicciate, l’alone di qualche lacrimuccia che tanto spesso andava giù, perchè infondo era normale a quell’età essere in love with sadness.

L’assist perfetto m’è stato dato da un tributo a Mellon Collie and the Infinite Sadness, uscito un mesetto fa.
Si tratta di un remake integrale realizzato sotto il nome degli Albanopumpkins – Mellon Collie and the Infinite Power, ovvero dei siciliani Albanopower.

Ho avuto modo di vedere dal vivo i ragazzi l’anno scorso al Duel e ne sono rimasta affascinata grazie al sound low-fi, notwistiano e natalizio. Con il tributo agli Smashing mi hanno del tutto conquistata. 🙂
D’altronde ho letto che l’idea di questo maxi tributo venne agli Albano proprio durante il viaggio di ritorno del tour Napoli- Siracusa del 2009, quindi magari era un segno del destino!

L’intento è, come si legge sul sito del progetto, “un modo per giocare con canzoni che hanno fatto la storia della musica, senza provare nessun tipo di timore reverenziale. Rispetto sì, e tanto”.

Concordo in parte con ciò che dice Rockit, ma cerco di guardare a questo progetto con una mentalità più aperta che tenta di far riferimento alle nuove evoluzioni musicali: “Da un confronto simile chiunque ne esce con le ossa rotte. Perfino Billy Corgan non è riuscito a sopportare il peso messianico di “Mellon Collie And The Infinite Sadness”. Gli Smashing Pumpkins di oggi sono ben lontani dal raccontare la vita, l’universo e tutto quanto dall’alba al tramonto e dal crepuscolo alla notte stellata.”

Osse rotta oppure no, io personalmente apprezzo questo tributo o meglio il tributo nel tributo, poichè oltre ai ragazzi siracusani, hanno contribuito a questa “pazzia” oltre 50 musicisti, tutti selezionati tra le amicizie del gruppo, dedicandosi a rivisitare interi brani, collaborando tra di loro e con gli Albano.
Il primo ascolto non è stato semplice, poichè il riferimento all’originale viene quasi spontaneo…dopo qualche passaggio però alcuni pezzi hanno iniziato a “suonarmi bene”! 🙂

Particolare la Bullet with Butterfly Wings di Feldmann feat. C.Basile & N.Martinez, sussurrante, a tratti blues, con campanacci e clapping certamente ben lontani dall’energia distruttiva dell’originale.
Ritmi e synth anni ottanta in Love reinventata dai Cat Claws che concludono “duettando” con Billy Corgan.
Bella, bella, bella, To Forgive, rifatta dai Music For Eleven Instruments: in effetti la canzone non è particolarmente stravolta, ma è ancora più dolce riarrangiata con una sorta di toy piano che la rende simile ad una ninnananna.
Il pezzo che credo di preferire (forse per stasera, domani chissà) è però Bodies, rifatta proprio dagli Albanopower.
Premetto che si tratta di una delle mie canzoni preferite dell’intero album da sempre.
Il sound è molto diverso dall’originale in cui le chitarre elettriche sono violente e graffianti, ma io ci avverto la stessa intensità, nonostante l’atmosfera più dolce e low-fi, le voci più sussurrate che urlate e le intrusioni indietroniche che caratterizzano il ritornello: but no bodies ever knew nobodys no bodies felt like you nobodys. love is suicide

In linea di massima non amo i remakes delle canzoni.
Credo che la perfezione stia nell’originale, venuta fuori al momento giusto nel modo migliore.
Ma forse questa è una deformazione professionale che mi porto dietro dal mondo dell’arte.
La questione dell’aura, insomma.
Però nel panorama indipendente italiano ho trovato alcune sorprese piacevoli:

– Oltre a Bodies, degli Albanopower vi segnalo Love will Tear us Apart dei Joy Division

– Come non segnalarvi la cover di Hello Spaceboy di David Bowie, realizzata dagli Atari qualche anno fa. SPEECHLESS!!!

– Infine, molto bella anche la cover di it’s Not Good Trying di Syd Barrett reinventata dai Mesmerico…purtroppo però non sono riuscita a trovarla online! 😦

Per concludere, ecco il link del sito del progetto, che tra l’altro è completamente in free download. Quindi scaricate, anche solo per curiosità!

Ho letto recensioni diverse e disparate sull’album, ma sicuramente la reazione più importante è questa:

Spero di non essere stata troppo romantica scrivendo questo post.

Emi Mellon(Collie)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: