Banksy, Napoli e i Simpson

16 Nov

La street Art è la forma d’arte di combattimento per eccellenza.
Per quasto mi piace.
Perchè è una forma d’arte di protesta, realizzata attraverso disegni spesso a sfondo satirico, riguardanti argomenti come la politica, la cultura e l’etica.

Oggi voglio fare un breve flash su Banksy, artista originario di Bristol, la cui vera identità è dubbia (forse Robin Gunningham), come la leggenda del writer impone.
La tecnica che preferisce per i suoi lavori di guerrilla art è da sempre lo stencil, che proprio con Banksy è arrivato a riscuotere un successo sempre maggiore presso street artists di tutto il mondo. E’ impossibile non avere visto uno dei suoi lavori, la cui forza innesca un processo di riflessione immediato.

I suoi lavori sono principalmente nel Regno Unito, ma non solo, essi sono presenti in luoghi simbolici di città e metropoli in ogni parte del mondo. Anche qui a Napoli, si dice che l’artista abbia operato.
Le sue azioni creative erano concentrate nel centro storico, una è in Piazza dei Gerolamini, lungo via Tribunali, l’altra è stata distrutta qualche tempo fa, dai soliti pseudo artistelli, che imbrattano con tags improponibili le murature storiche del centro antico.
Ecco l’opera a piazza dei Gerolamini:

Invece questa è un’immagine dello stencil che non troverete più. Esso si trovava di fronte al campanile di Santa Chiara, lungo via Benedetto Croce:

Come potete notare, Banksy aveva fatto in modo di non intervenire sulle murature preesistenti e risalenti a secoli fa. Seppure l’artista in questione non fosse lui, è sicuramente una persona rispettosa delle preesistenze e delle evidenze storico culturali, distante anni luce dai vandali che imbrattano le città.

Per concludere, vi faccio vedere una chicca alla quale non potrete resistere.
Se non conoscete Banksy, sicuro conoscete i Simpson.
Questa è la sigla girata in collaborazione con l’artista per una puntata andata in onda su Fox:

Annunci

2 Risposte to “Banksy, Napoli e i Simpson”

  1. cold calling for financial advisors 30 novembre 2012 a 6:57 pm #

    Pretty section of content. I just stumbled upon your website and
    in accession capital to assert that I acquire actually enjoyed account your blog posts.
    Any way I’ll be subscribing to your feeds and even I achievement you access consistently quickly.

Trackbacks/Pingbacks

  1. “We don’t need no occupation!” « Let's blog! - 17 aprile 2011

    […] di segnalare un punto di vista alternativo, attraverso le parole e i fatti raccontati da Banksy, già plurinominato sul mio blog. La questione palestinese sta molto cara all’artista […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: